Ma…che domande fai??? ;)

Ci sono le domande classiche, quelle che dalla notte dei tempi il mondo intero si fa: “Chi siamo?”, “Da dove veniamo?”, “Qual è il senso della nostra esistenza?”. Sono domande a cui nessuno darà mai una risposta. E forse è proprio questo il bello, che se qualcuno quella risposta la trovasse, tutto perderebbe di fascino.

Poi ci sono quelle domande bellissime: “Mi perdoni?”, “Mi vuoi sposare?”, o quella di un film di Pieraccioni che adoro, in cui lui, davanti ad un tavolo che gira le dice imbarazzato: “Ma se io e te ci si piacesse, secondo te, quanto ci si metterebbe a darsi… un bacio?” 😉

E poi, a volte, le domande te le fanno gli altri, a raffica. Che ne so, magari i vicini di casa curiosi che poi devono fare gossip a cena:” Sei dimagrita? Sei ingrassata? Ti sei laureata? Ma il ragazzo…quando lo trovi? No be perché io alla tua età avevo già la mia figlia più grande che andava a scuola”. Di sub spero, perché visto che sua madre respira una volta ogni dieci minuti…a quest’ora sarà una campionessa 😀

C’è infine quella categoria di domande che tutti, ma proprio TUTTI facciamo. Perché, dal momento che le facciamo, sappiamo esattamente anche la risposta. Sarà perché ci danno sicurezza. Un po’ come se qualcuno vedendoci felici e ammirate davanti ad uno specchio ci dicesse che siamo bellissime. Noi lo sappiamo. Ma qualcuno che ce lo dice è tutta un’altra cosa.

Vediamo qualche caso 😀

1- Il giorno prima, a scuola, i tuoi capelli vivevano nel banco del compagno dietro di te, e spesso, a tua insaputa, ci si soffiava pure il naso. Eri un po’ Rapunzel e un po’ Federica Panicucci. Il giorno dopo entri in classe con i capelli come Fantaghirò. Ed ecco che parte la domanda retorica per eccellenza, quella che noi ragazze ci siamo sentite fare almeno una volta nella vita: “TI SEI TAGLIATA I CAPELLI???

 
“Chi? Io?”. No penso che sia una tua impressione sai…o dici che il parrucchiere ha scambiato Beyoncé con Giovanna D’Arco? 😉
 
2- La tua migliore amica ti chiama al telefono di casa. Tu rispondi e lei parte con una domanda fantastica: “EHI CIAO, SEI A CASA?”
bimbo

“Urca tesoro no mi dispiace. Sono uscita un attimo con la prolunga del telefono. Posso richiamarti quando torno? Altrimenti chiamami al cellulare” 😉

 
3- Sei alla cassa del supermercato. Stai facendo la spesa da sola perché gli uomini quando sentono “supermercato” sono sempre “superimpegnati”, oppure, se ci sono, spariscono nello scaffale delle birre. Hai la spesa di un mese su quella specie di coso che va avanti quando, all’ultimo prodotto che inserisci, la cassiera ti dice il conto. Poi, con aria trasognante ti fissa, guarda la spesa e dice: “SIGNORA, LE DO UN SACCHETTO?”
“Ma guardi…sarò sincera. Di solito metto tutto in tasca. Ma siccome oggi, per colpa di Jovanotti, ho le tasche piene di sassi e gli occhi pieni di te (e del tuo sguardo trasognante), facciamo che per stavolta mi dai anche il sacchetto. Poi dalla volta prossima magari vedo di trovare una soluzione alternativa 😉
 
4- Arrivi a casa alle quattro di notte (o della mattina, a seconda sei punti di vista), dopo una di quelle serate fatte di gin (inteso come alcol e ginnastica 😉 ), e pensi di essere ancora in discoteca. Accendi tutte le luci come se fosse il giorno della creazione e qualcuno dall’alto avesse ordinato “E luce fu”. Sei convinta di essere a piedi scalzi quando invece stai salendo le scale col tacco 12, apri la porta come stessi per compiere la breccia di Porta Pia e lei, la mamma, si alza dal letto. Dormiva più profondamente di Rosaspina e per questo ha un gli occhi ancora socchiusi. Potresti anche esserti fatta un tatuaggio sulla faccia a mo’ di “Una notte da leoni” ma lei sarebbe capace di scambiarlo per un neo d’infanzia. Eppure ha trovato la forza di alzarsi. Ora è lì, davanti a te, ti fissa e ti dice: “SEI TORNATA?
bella- cenerentola single

“Oddio signora mi scusi. Volevo svaligiarle la casa ma credo di avere esagerato con i rumori. Sa, sono alle prime armi. Mi dice lei dove sono soldi, gioielli e valori vari o devo imbavagliarla? Se collabora faccio meno fatica e poi la lascio dormire che la vedo un tantino assonnata” 😀

5- Questa domanda, lo ammetto, la faccio sempre anche io. Ma non per questo chi la fa deve sentirsi giustificato, tanto meno io 😉
Capita che sei a letto, ad un orario del tipo le tre e mezza di notte. Stringi il cuscino forte forte come fosse l’ultimo uomo al mondo, hai la bocca semiaperta e un sorriso che simboleggia che stai sognando qualcosa di meraviglioso. Quando improvvisamente, da un paese lontano lontano…senti una voce, accompagnata da una mano che si appoggia battendo la tua spalla come fosse un tamburo. E quella voce, quando inizia a prendere forma nel tuo dormiveglia, ti dice:
“EHI…STAI DORMENDO???”
sonno
“Chi? Io? Alle tre e mezza di notte? Con la bavetta della bocca spalmata sul cuscino come fosse Philadelphia? Ma figurati…mi sto riposando un po’ gli occhi” 😀

 
6- Stai aspettando Marco. Ti ha detto che sarebbe passato alle dieci e infatti è puntualissimo. Tu ovviamente no. Hai ancora l’accappatoio e i capelli bagnati. Guardi il citofono e vedi che il suo ciuffo ingellato manco riesce ad entrarci tutto nel video della telecamera. Ovviamente è lui. Eppure tu, con nonchalance, prendi la cornetta ed esclami. “MARCO, SEI TU?”
Non mi stupirei se il poveretto replicasse: “No signorina, sono il vicino di casa. Ho sentito che al telefono ha detto: “Adesso esco e vado col primo che incontro”, e allora mi sono detto: “Massi, suono. Tentar non nuoce” 😉 Buonaseeeeeeeeerrrrrrrraaaaaaaaaaaa
buonaseraaaa

7- E poi c’è quella domanda retorica da fiaba. Quella che la Matrigna e le sgorbiette, ormai pronte per andare al ballo, fanno a Cenerentola, dopo averle dato (appositamente per farla stare a casa), una montagna di panni da lavare che in confronto Manzoni a sciacquarli in Arno ha fatto prima 😉
Ma la Matrigna, nonostante questo, la guarda stupita assieme ai suoi due splendori e le dice: “MA CENERENTOLA…TU NON SEI ANCORA PRONTA?”

Cenerentola-single-Genoveffa-Anastasia

E a questo punto io, al posto di uno sguardo sommesso che precede un: “No, io non vengo”, ho sempre sognato una risposta del tipo:
Cenerentola-single

“NO BRUTTA ZOCCOLA. DEVO STIRARTI I MUTANDONI. ” 😀

Annunci

5 pensieri su “Ma…che domande fai??? ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...